icona
sempre aperto
Centro commerciale

LUN / SAB 9.00 > 22.00

DOM / FESTIVI 9.00 > 21.00

Ristorazione

LUN / SAB 9.00 > 22.00

DOM / FESTIVI 9.00 > 21.00

Ipermercato

LUN / SAB 8.00 > 22.00

DOM / FESTIVI 9.00 > 21.00

Sala giochi

LUN / VEN 13.00 > 24.00

SAB / DOM / FESTIVI 10.00 > 24.00

CINEMA*

LUN / VEN 20.00 > 23.30

SAB / DOM 16.30 > 23.30

*orari soggetti a variazioni

icona
Cosa Cerchi
Naviga la mappa e realizza tutti i tuoi desideri.
icona
Spazi espositivi
Compila il form per prenotare uno spazio espositivo nelle nostre aree dedicate.

GoodNews

Il nostro blog pensato per darvi suggerimenti, ispirazioni e itinerari della nostra
città. Senza mai dimenticare le note di stile per vivere al meglio la tua quotidianità!


La leggenda di San Giorgio e il drago

04-10-2017

Si narra che un tempo la Brianza fosse abitata da un terribile drago, che con la sua ira distruggeva ogni cosa. Il popolo decise di placare la sua ingordigia offrendogli in sacrificio dei giovani fanciulli estratti a sorte. Un giorno, però, il caso volle che venisse estratta la principessa Cleodolinda di Morchiuso. Proprio un istante prima che le fauci del drago facessero un boccone della principessa, San Giorgio giunse a cavallo del suo destriero, distraendo la bestia con dei fiori di sambuco. Messa in salvo la principessa, San Giorgio decapitò il drago, la cui testa rotolò fino al Lago di Pusiano dove è ancora custodita.
 
Vi è piaciuta questa storia?

 

<a href=”” target=”_blank”></a>


potrebbero Interessarti anche


La leggenda di San Giorgio (...)

04-10-2017

Si narra che un tempo la Brianza fosse abitata da un terribile drago, che con la sua ira distruggeva ogni cosa. Il popolo decise di (...)

La leggenda di San Giorgio (...)

04-10-2017

Si narra che un tempo la Brianza fosse abitata da un terribile drago, che con la sua ira distruggeva ogni cosa. Il popolo decise di (...)

La leggenda di San Giorgio (...)

04-10-2017

Si narra che un tempo la Brianza fosse abitata da un terribile drago, che con la sua ira distruggeva ogni cosa. Il popolo decise di (...)